Cantucci

I toscani si sa, sono dei buongustai! A volte, anche se ci sentiamo sazi, a fine pasto un cantuccio col vin santo non ce lo leva nessuno!

Conosciuti anche con il nome originale di “biscotti di Prato”, i cantucci sono tra i biscotti più conosciuti e amati al mondo. Vengono nominati nel dizionario per la prima volta dall’Accademia della Crusca nel 1691 con la seguente definizione: “biscotto a fette, di fior di farina, con zucchero e chiara d’uovo”. La prima ricetta viene conservata a Prato, opera di un pasticcere che vinse numerosi premi a fiere campionarie in Italia e all’estero.

Questi dolci filoncini alle mandorle sono cotti in forno interi, poi vengono tagliati e biscottati fino a diventare croccanti e di un bel colore nocciola dorato.

I cantuccini sono chiamati nel Lazio e in Umbria col nome di “tozzetti” e possono essere preparati con nocciole o altra frutta secca al posto delle mandorle.

Noi li preferiamo nella maniera classica, intinti nel vin santo! E tu?

LEAVE A REPLY