Fagioli all'uccelletto

Firenze, centro artistico e commerciale, fu tra le prime città non solo in Italia ma anche in Europa ad assaggiare i fagioli che comparvero nei più fastosi banchetti. Sembra che in Toscana siano stati introdotti da papa Clemente VII, il quale a sua volta li aveva ricevuti dall’imperatore di Spagna Carlo V. Via via che furono coltivati nella nostra campagna, guadagnarono sempre maggiore popolarità, fino ad entrare definitivamente nella cucina popolare dove ancora oggi dominano incontrastati.

I fagioli all’uccelletto sono uno dei piatti tipici della cucina fiorentina. La semplicità dei suoi ingredienti ed il suo sapore intenso incoronano questo piatto un ottimo accompagnamento soprattutto per le carni. Ma qual è il significato del nome “fagioli all’uccelletto“, visto che nella ricetta di uccelletti non c’è traccia?

L’unico che ha cercato di dare una risposta a questo quesito è stato Pellegrino Artusi. Secondo il padre della cucina italiana la ricetta trarrebbe il suo nome dal metodo di cottura, con particolari aromi, utilizzato per la preparazione dei famosi arrosti di uccelletti.

 

 

LEAVE A REPLY